Decreto Bollette: le novità per le famiglie e le imprese

Decreto Bollette: le novità per le famiglie e le imprese

Il Governo ha recentemente approvato il nuovo ‘Decreto Bollette‘, con l’obiettivo di sostenere le famiglie e le imprese italiane nel fronteggiare il caro energia. Il provvedimento mantiene risorse già in vigore ma aggiunge anche alcune novità, quali la reintroduzione degli oneri di sistema, che potrebbero avere un impatto spiacevole sulle bollette nei prossimi mesi.

Vediamo più in dettagli queste novità. Tra di esse figurano:

  • La riduzione dell’IVA al 5% sul gas, già in vigore nel primo trimestre dell’anno, viene prorogata fino a giugno ed è estesa anche al teleriscaldamento e all’energia termica prodotta con il metano.
  • La conferma del Bonus Sociale per le famiglie con ISEE fino a 15mila euro, che compensa quasi interamente gli incrementi delle tariffe energetiche registrati nell’ultimo anno e mezzo.
  • Un bonus riscaldamento per il gas. Si tratta di un aiuto economico per le famiglie, attivo dal 1 ottobre al 31 dicembre, che varia in base alle zone climatiche e ai mesi di riferimento. Il bonus sarà corrisposto se il prezzo medio del gas naturale sul mercato all’ingrosso supera un valore limite, da definire.
  • La reintroduzione degli oneri di sistema sulle bollette elettriche, che potrebbe ridurre i risparmi dei consumatori dovuti al calo del prezzo delle materie prime energetiche, dal momento che gli oneri rappresentano il 20-22% del costo totale dell’energia.
  • Il mantenimento dei crediti d’imposta per le imprese fino al 30 giugno, sebbene con percentuali rimodulate in diminuzione. Potranno beneficiarne le imprese che hanno subìto un aumento dei costi dell’energia elettrica superiore al 30% rispetto al primo trimestre del 2019. Il credito si calcola sulla componente energia elettrica e gas naturale, al netto delle imposte e dei sussidi, e si basa sulla media dei primi tre mesi del 2023. L’importo del credito fiscale è pari al 20% della spesa per luce o gas sostenuta dalle imprese nel secondo trimestre del 2023. L’unica eccezione riguarda le imprese con contatori di energia elettrica di potenza disponibile pari o superiore a 4,5 kW: per loro il credito fiscale è pari al 10% dei consumi di energia elettrica.

Queste sono le principali misure contenute nel Decreto Bollette approvato dal Governo. Se vuoi sapere come risparmiare sulle tue bollette di gas e luce, contattaci per scoprire le nostre offerte convenienti e personalizzate sulle tue esigenze.

Il Team Astea Energia