Fine di un’era energetica, inizio di una nuova era di opportunità: Astea Energia ti guida nel Mercato Libero

top view of coffee with news lettering made of coffee beans and newspaper with tablet on white

Il Governo ha recentemente varato il nuovo Decreto Energia, che sostanzialmente conferma la fine del mercato tutelato per Gas e Luce. Il decreto, infatti, in linea con gli impegni assunti dall’Italia nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) dell’Unione Europea, non prevede proroghe o sorprese rispetto a quanto precedentemente annunciato. 

La fine del 2023 segnerà dunque la conclusione del mercato tutelato, una svolta storica per il settore e la “fine di un’era energetica” per i consumatori, per i quali di conseguenza diviene ancora più urgente agire, informandosi e attivandosi per tempo.

Astea Energia, negli ultimi mesi, si è sempre sforzata per fornire ai propri clienti un quadro chiaro della situazione, con informazioni chiare e aggiornate. A tale scopo, ha lanciato una campagna informativa chiara ed esaustiva, inviato comunicazioni scritte ai suoi clienti ancora in regime di maggior tutela, creato una pagina dedicata sul suo sito web e pubblicato vari articoli sul suo magazine online. Questo sforzo è stato fatto anche per proteggere i nostri clienti dalla disinformazione, spesso diffusa da call center e agenti disonesti che cercano di sfruttare la situazione a loro vantaggio, per i propri fini commerciali.

Con lo stesso spirito di servizio e di vicinanza ai territori in cui operiamo, che contraddistingue Astea da oltre 60 anni, oggi torniamo a sottolineare l’importanza e l’urgenza di agire, in vista della conclusione del Mercato Tutelato, se ancora non lo si fosse fatto.

La normativa ha previsto il termine dei servizi di tutela, con un progressivo passaggio dal mercato tutelato a quello libero, che nella generalità dei casi rimarrà l’unica modalità di fornitura:

  • nel caso di clienti cosiddetti ‘vulnerabili’ (ad es. in condizioni economicamente svantaggiate; soggetti con disabilità ai sensi dell’articolo 3 legge 104/92; con un’utenza in una struttura abitativa di emergenza a seguito di eventi calamitosi; con un’età superiore ai 75 anni), il venditore continuerà ad erogare la fornitura con il servizio di tutela della vulnerabilità, per il gas, e in regime di maggior tutela, per l’elettrico.
  • per i clienti domestici non vulnerabili di gas naturale il superamento della tutela di prezzo è  previsto da gennaio 2024. La situazione è semplice e non c’è motivo di allarmarsi. Se non viene effettuata alcuna scelta entro dicembre 2023, si rimarrà clienti Astea, ma alle condizioni economiche  previste per il servizio di tutela gas definite dall’Autorità e con le  condizioni contrattuali dell’offerta PLACET di gas naturale.
  • per i clienti domestici non vulnerabili di energia elettrica, invece, il superamento della tutela allo stato attuale è previsto a partire da aprile 2024. In questo caso occorre prestare molta attenzione. Già da questo mese di dicembre si terranno le gare che metteranno i contratti ancora in regime di tutela, con tutti i rischi in termini di convenienza, fiducia ed economicità che ciò comporta per il cliente finale. A vincere le aste potrebbe infatti essere una società sconosciuta, senza sportelli sul territorio o con offerte e condizioni contrattuali con tariffe non adatte alle sue esigenze.

Per questo invitiamo i nostri clienti a contattarci al numero verde 800 99 26 27, a scriverci sui nostri canali online o a visitare uno dei nostri sportelli sul territorio. Qui potranno ricevere una consulenza personalizzata e scegliere l’offerta più adatta alle loro esigenze, tra quelle preparate appositamente per l’occasione, convenienti e concorrenziali.

La fine di un’era energetica. Ma anche l’inizio di una nuova era di opportunità. Astea Energia, come sempre, è al fianco dei suoi clienti per aiutarli a sfruttarle al meglio.